Quanto guadagna un fisioterapista nel 2021? La verità in 7 grafici.

Quanto guadagna un fisioterapista nel 2021? 

La verità in 7 grafici.

Ringraziamo tutti i 400 fisioterapisti che hanno compilato il sondaggio e ci hanno permesso di ottenere dati significativi riguardo all’argomento. 


Per ricevere il prossimo sondaggio iscriviti alla newsletter.

Obiettivo del sondaggio

L’obiettivo è informare e permettere a tutti i fisioterapisti di poter negoziare meglio il loro compenso in modo da poter ottimizzare i guadagni. Naturalmente i dati raccolti non sono migliaia ma sono sicuramente abbastanza per farsi un idea.

 

Abbiamo riassunto il tutto in 7 grafici SEMPLICI e INTUITIVI

 

PS: Se stai cercando un gestionale o potenzialmente sei interessato ti invitiamo a scaricare la nostra guida gratuita sui 7 errori che non devi fare. 

 

Buona lettura! 🙂

1 PRIVATO: Guadagno orario con i domiciliari

  • Moda (La tariffa più diffusa): 40 €
  • Importo minimo orario: 4 €
  • Importo massimo orario: 100 €
  • Media semplice: 38,46 €

2 PRIVATO: Guadagno orario con lo studio privato

  • Moda (La tariffa più diffusa): 40 €
  • Importo minimo orario: 8 €
  • Importo massimo orario: 100 €
  • Media semplice: 41,43 €

3 PRIVATO: Guadagno orario con P. IVA in un centro convenzionato o in uno studio

  • Moda (La tariffa più diffusa): 15 €
  • Importo minimo orario: 4 €
  • Importo massimo orario: 36 €
  • Media semplice: 16,60 €

4 PRIVATO: Guadagno orario con P. IVA presso una casa di cura

  • Moda (La tariffa più diffusa): 20 €
  • Importo minimo orario: 6 €
  • Importo massimo orario: 30 €
  • Media semplice: 16,63 €

5 DIPENDENTE: presso un centro privato (Paga Oraria)

  • Moda (La tariffa più diffusa): 10 €
  • Importo minimo orario: 4 €
  • Importo massimo orario: 50 €
  • Media semplice: 12,23 €

6 SERVIZIO PUBBLICO: ASL, Ospedale, … (Paga oraria)

  • Moda (La tariffa più diffusa): 15 €
  • Importo minimo orario: 7 €
  • Importo massimo orario: 45 €
  • Media semplice: 14,01 €

7 Classificazione in base agli anni di esperienza

8 Bonus: La classifica delle regioni più pagate

Per i Fisioterapisti che svolgono i domiciliari, essendo i più numerosi ad aver compilato il sondaggio, abbiamo inserito anche la classifica in base alle regioni. Dove sono le tariffe più alte? Scopritelo qui sotto!

Utilità del sondaggio

  • Per scoprire se le tariffe che applicate potrebbero essere datate per la regione nella quale vi trovate senza saperlo.
  • Per i neolaureati che si stanno approcciando al mondo del lavoro e che vorrebbero avere l’idee un po’ più chiare.
  • Per sottolineare l’importanza di questo numero. I soldi naturalmente non sono tutto… Ma visto che li riceviamo dedicando tempo ad altre persone, riteniamo che le ore debbano essere compensate nella giusta maniera. 
 
 

Buona fortuna!

A te fisioterapista auguriamo di fare sempre più soldi, nel modo più etico possibile. 

Ti ringraziamo se sei arrivato fino a qui! 🙂

 

 

Vuoi sapere quanto stai guadagnando precisamente e risparmiare tempo? 

Usa FisioDesk, il nuovo gestionale specializzato per fisioterapisti. Semplice ed intuitivo.  

 

Alcune delle domande che ti sarai fatto in passato:

  • Quanti pazienti ho? 
  • Quanto mi fa guadagnare ogni paziente?
  • Com’è andata questo mese?
  • Devo inviare le fatture al questo mese TS?
 

FisioDesk ti permette gestire queste informazioni e molto altro in un’unica soluzione. 

Unisciti anche te alla prima community di fisioterapisti smart! Non rimanere indietro.

 

PS: SCOPRI QUALI SONO I 7 ERRORI CHE NON DEVI FARE QUANDO SCEGLI UN GESTIONALE.

Altri Articoli

Blog Fisioterapia

Quanto guadagna in media un fisioterapista in Italia oggi

Per valutare in modo preliminare un articolo scientifico è tener conto della qualità della rivista su cui viene pubblicato, della “nomea” dell’autore e dal numero delle citazioni dell’articolo. Un aspetto fondamentale è il “peer review”

Blog Fisioterapia

Il giusto compenso – Il parere di un collega

Per valutare in modo preliminare un articolo scientifico è tener conto della qualità della rivista su cui viene pubblicato, della “nomea” dell’autore e dal numero delle citazioni dell’articolo. Un aspetto fondamentale è il “peer review”

Non perderti nessun articolo
Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Rimani aggiornato e impara dai colleghi

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Vuoi trasformare il tuo modo di lavorare?

Offerta speciale
Ricevi il coupon benvenuto!

Valido solamente per i nuovi iscritti

Iscriviti  alla newsletter e ricevilo subito via mail